RIVETTI

autofilettanti
Pressvit

Rivetti autofilettanti

Pressvit produce rivetti autofilettanti, realizzati sulla base di un disegno fornito dallo stesso cliente, con il quale vengono definiti i parametri essenziali, quali la forma della testa, il filetto, i rivestimenti e gli eventuali trattamenti termici.

Scarica il catalogo completo

La nostra azienda è specializzata nella realizzazione di viteria stampata a freddo che prendono luogo da un disegno fornito dal cliente. Articoli che dunque vengono prodotti in funzione del loro utilizzo. Uno dei maggiori vantaggi offerti dalla nostra azienda è l’utilizzo di attrezzature realizzate all’interno dello stesso stabilimento. Il risultato è quindi un’assicurata qualità che nessuno sul mercato può offrire. Tra i tanti prodotti realizzati, la nostra azienda offre anche la produzione di rivetti autofilettanti di qualsiasi tipo su disegno. Ma cosa sono i rivetti autofilettanti? Facciamo un po’ di chiarezza.

Differenze tra rivetti e ribattini

I rivetti sono dei sistemi di fissaggi meccanici molto utilizzati. Cosa sono i fissaggi meccanici? Con questo termine si indicano tutti quegli elementi di fissaggio che si utilizzano quando l’unione di due parti (lamiere) avviene per mezzo di un terzo componente. L’aggiunta di un altro componente ne assicura la tenuta grazie ad una forza meccanica che agisce dall’esterno. I rivetti non devono essere confusi con i ribattini. Molti fanno l’errore di credere che si tratti dello stesso elemento, ma in realtà questi due fissaggi di differenziano per almeno 5 motivi. Iniziamo dalla definizione dei ribattini. I ribattini permettono di fissare due lamiere in modo stabile e definitivo. Sono applicati in fori realizzati nelle stesse lamiere, dentro i quali vengono inseriti questi elementi. Per assicurare la presa è necessario eseguire la ribaditura, un’operazione che permette di assicurare il collegamento. I ribattini sono formati da un unico pezzo che definisce la testa e il corpo.

Al contrario, i rivetti sono costituiti da due elementi distinti: il mandrino e il corpo. Il fissaggio delle lamiere avviene tramite il corpo, la parte che resta attaccata alle due lamiere da fissare. Il mandrino viene invece spezzato e scartato. Quali sono quindi le differenze tra questi due elementi?

  • Forma e geometria
  • Utilizzo: i rivetti vengono utilizzati quando non è possibile arrivare all’altro lato del giunto che vogliamo unire. Per utilizzare i ribattini, invece, è opportuno raggiungere il secondo lato al fine di deformare la testa e assicurare il collegamento.
  • Modalità di applicazione. I rivetti vengono applicati tramite uno strumento chiamato rivettatrice. I ribattini invece sono applicati in maniera manuale.
  • Rapidità dell’applicazione. Essendo un fissaggio molto più antico, i ribattini ha un processo di applicazione molto lento. I rivetti invece sono molto veloci da applicare.
  • Prezzo.

I rivetti autofilettanti sono elementi che uniscono gli aspetti positivi di questi due elementi. Di facile impiego e di basso costo, non necessitano di attrezzature particolare per il loro utilizzo e hanno un’elevata resa meccanica e anche estetica.

I rivetti autofilettanti

I rivetti autofilettanti sono un sistema di fissaggio molto utilizzato. Si tratta di chiodi che vengono inseriti mediante martello e che danno origine ad unioni stabili e anche belle da vedere. Per assicurare un’ottima resa estetica, è importantissimo scegliere bene la tipologia di rivetto da utilizzare. Esiste infatti un’ampia gamma di rivetti autofilettanti in commercio, che si differenziano per forma, dimensione e materiale.
Quali sono i vantaggi dell’utilizzo di questi elementi?

  • Ottima resa estetica
  • Alta tenuta e stabilità
  • Sistema di fissaggio resistente e solido
  • Basso costo
  • Inserimento manuale che non richiede l’utilizzo di attrezzi speciali (rivettatrici).

Quest’ultimo, è uno dei motivi che spiega l’ampio utilizzo di questi elementi. Non servono attrezzi speciali, solo semplici martelli (come nel caso dei ribattini). Con un prezzo contenuto ed economico, si può raggiungere un ottimo sistema di fissaggio con l’aggiunta di una bella resa estetica.

viti di sicurezza
viti di sicurezza

Lavorazioni

La qualità come parola d’ordine

I rivetti autofilettanti si utilizzano per unire diversi materiali. I materiali che più si prestano al loro impiego sono l’acciaio, il ferro e l’alluminio. Come si utilizzano? Niente di più semplice. Basta imprimere una giusta forza meccanica sul rivetto tramite un martello e assicurare un fissaggio sicuro. Proprio per questo motivo, questi elementi si prestano alla perfezione nel caso di unioni di elementi pesanti in ferro o in acciaio. L’ideale è utilizzarli su superfici compatte che, durante il processo di ribaditura a freddo, non si deformano.
Quando si utilizzano i rivetti autofilettanti? Come detto questi elementi trovano il loro impiego in moltissimi settori, soprattutto nella carpenteria. Tra le maggiori modalità di impiego ricordiamo:

  • Inferriate
  • Targhette per macchine utensili
  • Cancelli
  • Auto d’epoca
  • Piastrine

È nell’industria meccanica che questi fissaggi trovano il loro maggiore utilizzo. Se ne apprezza infatti l’elevata resistenza e robustezza, unita ad una gradevole resa estetica. Questi elementi riescono infatti a stringersi fermamente alle superfici. Essendo un tipo di fissaggio decisamente antico, il loro impiego trova applicazione anche per quanto riguarda le auto d’epoca. Fino a non molti anni fa, le componenti delle macchine venivano unite con un sistema di ribaditura a freddo. I restauri dei veicoli d’epoca, quindi, utilizzano ancora questo sistema di fissaggio, impiegando proprio i rivetti autofilettanti.

Hai bisogno di questi elementi? Rivolgiti a noi e alla nostra unica produzione di rivetti autofilettanti di qualsiasi tipo su disegno.